Ritorna all'archivio

Brevetto: Brevettare un’oggetto esistente non brevettato

Se si brevetta una cosa che esiste già, ma che non è mai stata brevettata da altri, cosa succede?

Uno dei requisiti per potere brevettare un oggetto è che esso sia nuovo sia nel senso che rappresenti un’evoluzione, un progresso rispetto a ciò che è comunemente conosciuto sia nel senso che non deve essere mai stato realizzato da altri.

Il fatto che un oggetto esista e sia diffuso ne impedisce di per sé la brevettazione, anche se nessuno ha mai pensato di brevettarlo, in quanto essendo noto è impossibile ottenere i vantaggi offerti da un brevetto.

Viceversa molti pensano, sbagliando, che tutto ciò che non è stato brevettato possa essere brevettato dal primo che ha la geniale idea di farlo. Sarebbe opportuno per ogni impresa fare un controllo brevettuale prima di immettere un prodotto sul mercato, sia interno che estero, per evitare di incorrere in contraffazione di diritti altrui.

Tuttavia spesso ciò non accade e può anche capitare che venga importato in Italia un prodotto identico al brevetto di qualcuno a totale insaputa della impresa produttrice. In questi casi si tenta di risolvere la situazione con accordi economici, mentre nei casi più gravi l’unica soluzione resta quella di ricorrere alle vie legali ed intentare una causa contro il produttore e l’importatore.