Ho un sito internet e negli ultimi tempi molti stanno registrando domini simili per sfruttarne la notorietà. Se qualcuno di loro registrasse il mio nome a dominio come marchio, rischio di perderlo? E al contrario se io lo registrassi come marchio potrei tutelarmi nei loro confronti?

Ormai quasi costantemente i giudici decidono i casi riguardanti i nomi a dominio applicando, in via analogica, la normativa sui marchi e considerandoli quindi dei segni distintivi se pure, nella maggiore parte dei casi, atipici. Premesso questo, il timore relativo ai rischi che si potrebbero correre o ai vantaggi che si potrebbero ottenere, registrando il […]

Leggi di più

Sono titolare di un marchio e mi sono accorta solo in questi giorni che una persona ha registrato un nome a dominio uguale al mio marchio. Com’è possibile una cosa del genere e come posso fare per riprendermelo?

I nomi a dominio con terminazione “.it” (come ad esempio ferrari.it”) vengono assegnati dal Registro italiano senza effettuare alcun controllo sulla preesistenza di marchi che possano essere simili o identici al nome richiesto. Pertanto non è affatto “strano” che esista un nome a dominio uguale ad un marchio registrato, anzi purtroppo nella pratica sono situazioni […]

Leggi di più

Ho un sito internet in italiano che ha un indirizzo americano, del tipo “mionome.com”. E’ possibile registrare il marchio negli Stati Uniti? Il marchio si può considerare usato anche se utilizzato solo in internet?

Sicuramente il nome utilizzato per contraddistinguere un sito internet può essere validamente registrato come marchio. Dato che tutto il sito è in italiano, la cosa consigliabile da fare è quella di procedere alla registrazione del marchio in Italia, in quanto i diritti di marchio sono importanti, non tanto in ragione del luogo in cui è […]

Leggi di più

Ho registrato due domini internet “.it” corrispondenti al nome di due famosi videogiochi, ormai diventati di uso pubblico. Adesso la società importatrice mi ha scritto che devo cederglieli gratuitamente, mentre in caso contrario mi farà causa: è possibile che abbia ragione?

La possibilità che la società in questione possa pretendere a suo favore i domini registrati in effetti sussiste, anche se per stabilirlo occorre esaminare la situazione in modo approfondito. Prima di tutto è indispensabile conoscere la natura dei nomi dei giochi utilizzati. Se tali nomi sono generici e di uso comune, al pari, ad esempio, […]

Leggi di più

Ho brevettato un software alla SIAE come opera inedita al 50% con un amico. Adesso un’altra persona vorrebbe comprare la mia quota, ma il mio amico dice che per farlo dobbiamo prima costituire una società e vendere le quote. È vero o posso già farlo adesso?

Con la registrazione alla SIAE di un’opera inedita non si effettua il deposito di una domanda di brevetto, ma semplicemente ci si limita ad effettuare il deposito di un’opera, che è protetta già di per sè in virtù della legge sul diritto d’autore, al fine di ottenere una data certa che attesti la creazione dell’opera […]

Leggi di più

Come posso proteggere un gioco da fare in discoteca con l’ausilio di un software?

Questo tipo di idee sono piuttosto difficili da proteggere in quanto non si concretizzano in un’opera materiale ma nell’idea di ottenere un certo risultato ludico. Pur non essendo espressamente previsti nell’ambito della legge sul diritto di autore, i giochi vengono normalmente depositati presso la SIAE al pari delle opere letterarie, dei dischi, dei disegni per […]

Leggi di più

Ho aperto da poco una piccola azienda ed utilizziamo tre computer per il nostro lavoro. Un amico mi ha detto che se utilizzo programmi “open source” non devo pagare i diritti a nessuno e sono in regola con la legge d’autore. È vero e se si, dove posso trovare questi programmi?

La questione dell’open source è un po’ più complessa di come è stata descritta anche se un fondo di verità esiste in queste affermazioni. Con il termine “open source” si indicano quei programmi che vengono distribuiti con il codice “aperto” ovvero con il codice sorgente che può essere letto ed eventualmente migliorato da chiunque. Un […]

Leggi di più

Il mio lavoro consiste nel realizzare software che mi vengono ordinati dai clienti: loro mi forniscono le specifiche di cosa vogliono ed io lo programmo. Vorrei sapere se i clienti possono essere definiti coautori e vantare dei diritti. In caso positivo come posso fare per evitarlo?

In casi del genere, il titolare dei diritti economici di sfruttamento del programma realizzato è il cliente che ha commissionato l’opera e che ha pagato il programmatore per questo. Se il cliente si limita a descrivere che cosa vuole, ma non partecipa alla programmazione, non ritengo che si possa considerare un coautore, a meno che […]

Leggi di più